I Dinghy a Gardone

L'attività della "Fraglia" contemplava regate per "imbarcazioni di tipo Benaco, classe libera", pescherecci e barconi (Figura 7), ma soprattutto per dinghy di stazza internazionale.
 
Economico, maneggevole, adatto al diporto nautico, il Dinghy non tardò a diffondersi. Sotto vela, infatti, il Dinghy si rivelò imbarcazione molto tecnica e raffinata e per oltre trent' anni il Dinghy recitò un ruolo determinante nello sport velico nazionale. Una cartolina d'epoca di fine anni '40 mostra la spiaggia del Casinò di Gardone affollata di Dinghy. Tra questi si nota I-203 "Nano" del rivano Italo Torboli, per oltre un trentennio protagonista delle regate sul Garda (Immagine di Copertina).
 
Dai registri della FIV risulta che uno dei primi Dinghy costruiti dal Cantiere Baglietto di Varazze, I-71 della signora Teresa Bravi, probabilmente il primo Dinghy che ha navigato sul Garda.
 
Dallo stesso cantiere troviamo anche I-23 di Beppe Croce, futuro presidente della Federazione Italiana Vela.
 
Marinai e barconi sul Garda - Figura 7
 
 
Si evidenza che I-203, rappresentato nella cartolina di Gardone Riviera (Immagine di Copertina), è ancora presente nel registro storico Nazionale degli "scafi d'epoca" dichiarati esistenti al 31 Dicembre 2000 (Figura 8).
Marinai e barconi sul Garda

Fonte
Barche e vele del Lago di Garda" di Giorgio Vedovelli - Cierre Edizioni 2009
La leggenda de Dinghy 12" (Associazione Italiana Classe Dinghy 12) di Paolo Rastrelli

 

CHI SIAMO

Il Circolo nasce dalla volontà di un gruppo di vecchi e giovani velisti che credono nel volontariato e nella vela come affiancamento alla crescita giovanile, con l'intento di far rivivere lo spirito di fratellanza dell'antica Fraglia Vela fondata negli anni Trenta da Gabriele d'Annunzio (vedi sezione storia)...

DOVE SIAMO

CONTATTI

Corso Zanardelli, 234
25083 Gardone Riviera
Brescia - Italia

Mobile: +39 348 2264514
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.